Invito a presentare contributi per la pubblicazione del volume “Il valore della Carta dei Diritti di Internet” rivolto a giovani di età compresa fra i 18 e 35 anni

Sabato, 13 Luglio, 2019
 
 
A seguito dell’evento promosso alla Camera dei Deputati lo scorso 05 giugno 2019, Internet Society Italia progetta la creazione del volume “Il valore della Carta dei Diritti di Internet”. Lo scopo del volume è di ricordare l’impegno dell’illustre studioso Stefano Rodotà attraverso una riflessione su la Carta dei Diritti di Internet. L’invito a contribuire è aperto a giovani esperti, di età compresa tra i 18 e 35 anni, che operano nel mondo scientifico, universitario e culturale, all’interno di organizzazioni della società civile e, in generale, che desiderano elaborare focus di approfondimento sui 14 articoli della Carta. Gli autori sono invitati ad inviare un contributo di circa 3000 parole (indirizzo mail per inviare il contributo) completo della seguente documentazione: ambito tematico; breve sintesi del contenuto; nome, cognome, breve bio, contatti telefonici e-mail, eventuale organizzazione di appartenenza dell’autore.I contributi e la documentazione richiesta dovranno pervenire entro e non oltre il 30 ottobre 2019. I contributi pervenuti verranno valutati  dal Comitato scientifico secondo la rilevanza del contributo rispetto al tema trattato, l’originalità del focus di approfondimento e la chiarezza espositiva dello scritto per comunicare con un ampio pubblico, anche non specialistico. Costituisce requisito di preferenza nella selezione dei contributi la più giovane età. Per maggiori informazioni Angelo Alù (+393355855482) Laura Abba (+393487981001).
 
Titolo del volume Il valore della Carta dei Diritti di Internet
Autori Giovani esperti di Internet Governace in età 18-35 anni
Scadenza invio contributi 30 ottobre 2019
Uscita prevista marzo 2020
Temi in argomento Riconoscimento e garanzia dei diritti – Diritto di accesso – Diritto alla conoscenza e all’educazione in rete – Neutralità della rete – Tutela dei dati personali  – Diritto all’autodeterminazione informativa –Diritto all’inviolabilità dei sistemi, dei dispositivi e dei domicili informatici – Trattamenti automatizzati – Diritto all’identità – Protezione dell’anonimato – Diritto all’oblio – Diritti e garanzie delle persone sulle piattaforme –Sicurezza in rete ­– Governo della rete
Comitato scientifico Stefano Trumpy, Monica Palmirani, Fernanda Faini, Arturo Di Corinto,  Angelo Alú e Laura Abba
Realizzazione a cura di

Angelo Alù [e-mail]  Laura Abba [e-mail]

 

LINK UTILI

Osservatorio Giovani e Internet 

Video dell'evento "Il valore della Carta dei Diritti di Internet", Camera di deputati, 5 giugno 2019

La Carta dei diritti di Internet, i 14 articoli della dichiarazione

Il percorso che ha portato alla approvazione della Carta dei diritti di Internet

NOTA

Durante la XVII legislatura la Presidenza della Camera dei deputati ha operato la Commissione di studio per l'elaborazione di principi in tema di diritti e doveri relativi ad InternetLa Commissione, nella seduta del 28 luglio 2015, ha approvato un testo della Carta che si compone di un preambolo e di 14 articoli ovvero:

  • art. 1 (Riconoscimento e garanzia dei diritti);
  • art. 2 (Diritto di accesso);
  • art. 3 (Diritto alla conoscenza e all’educazione in rete);
  • art 4 (Neutralità della rete);
  • art. 5 (Tutela dei dati personali)
  • art. 6 (Diritto all’'autodeterminazione informativa);
  • art. 7 (Diritto all’'inviolabilità dei sistemi, dei dispositivi e domicili informatici);
  • art. 8 (Trattamenti automatizzati);
  • art. 9 (Diritto all’identità);
  • art. 10 (Protezione dell’anonimato);
  • art. 11 (Diritto all’'oblio);
  • art. 12 (Diritti e garanzia delle persone sulle piattaforme);
  • art. 13 (Sicurezza in rete);
  • art. 14 (Governo della rete).

Il 3 novembre 2015, l’'Assemblea della Camera dei deputati ha poi approvato una mozione con la quale si impegna il Governo ad attivare ogni utile iniziativa per la promozione e l’'adozione a livello nazionale, europeo e internazionale dei princìpi contenuti nella Dichiarazione.