Espressione di Opinioni

Espressione di Opinioni ISOC Italia

Dichiarazione a supporto della candidatura in AGCOM di Stefano Quintarelli

Già nel 1999 venne lanciata attraverso la Rete l'iniziativa "Un ministro per Internet", che se fosse stata accolta, anche in parte, avrebbe permesso a questo Paese di non perdere tanti colpi nei confronti delle nazioni tecnologicamente avanzate.

Le nuove nomine in AGCOM possono essere l'occasione per riconoscere che ora più che mai Internet è il comune denominatore dell'intero mondo dei media e della comunicazione.

In questo momento in cui è essenziale coniugare il rigore con la crescita economica, Internet può essere davvero il motore di innovazione che porta ad una crescita economica e sociale del nostro Paese. L'Authority, ci ricorda il suo statuto, è innanzi tutto un organo indipendente, ed il suo ruolo è cruciale per il futuro del Paese, a condizione che si guardi con occhi nuovi anche alla governance del mondo delle comunicazioni.

Internet Society Italia, sostiene la candidatura in AGCOM di Stefano Quintarelli ed auspica che il Governo abbia il coraggio di fare scelte che escano dagli schemi tradizionali, perché se si vuole davvero recuperare il tempo perduto c'è bisogno di innovare, sia negli obiettivi che nel metodo e nelle forme.

Stefano Quintarelli è una delle persone più conosciute nel mondo di Internet, sia in Italia che nel mondo. È difficile dare un limite alle sue competenze ed ai suoi interessi culturali; 500 anni fa sarebbe stato uno dei protagonisti del Rinascimento italiano. In un arco relativamente breve di anni solari (ma ere intere per il mondo Internet) è stato: studente di informatica, programmatore, esperto di sicurezza, imprenditore di startup e di aziende quotate in Borsa, stratega di marketing, competente di tecnologia e di economia e finanza, attento ai temi della globalizzazione, sempre con interessi culturali di ampio spettro e con l'intento pedagogico di educare al mondo nuovo dischiuso da Internet che lo ha portato in qualità di docente fino nelle stanze del Parlamento. Da quando ha assunto, di sua spontanea iniziativa, il compito di promotore dei principi della Rete ha dato prova in ogni ambito di equilibrio ed indipendenza di giudizio.

Internet Society Italia, ritiene che Stefano Quintarelli possa dare un contributo unico ad AGCOM, colmando una volta per tutte il gap generazionale che è di ostacolo alla comprensione ed interpretazione del nuovo.

Consiglio di Internet Society Italia
L. Abba, A. Berni, E. Fogliani,
S. Giordano, J. Marino, A. Nicotra,
V. Rossi, R. Tabanelli e S. Trumpy

Download del documento in formato .pdf

 

Posizione inviata al DoC-NTIA sul tema della transizione del DNS

ISOC ITALY COMMENTS
SUBMITTED TO THE UNITED STATES DEPARTMENT OF COMMERCE,
NATIONAL TELECOMMUNICATIONS AND INFORMATION ADMINISTRATION, NOTICE OF INQUIRY:
“ASSESSMENT OF THE TRANSITION OF THE TECHNICAL COORDINATION AND
MANAGEMENT OF THE INTERNET'S DOMAIN SYSTEM

[DOCKET NO. 090420688-9689-01]”

Responses:
 

  • Question 1

The DNS White Paper articulated four principles (i.e., stability; competition; private, bottom-up coordination; and representation) necessary for guiding the transition to private sector management of the DNS. Are these still the appropriate principles? If so, have these core principles been effectively integrated into ICANN's existing processes and structures?

Answer 1

Those four principles are still appropriate and should stay in the charter of an independent ICANN. We observe though that the four principles imply a level of conflicting requirements that have to be harmonized with a continuing effort. Stability is a never ending pursuit and may necessitate long analytical studies before implementing decisions. Competition in a free market has to enlarge the global offer and to satisfy also the expectations of economies of countries outside the Western world. Bottom up coordination requires a never ending effort for collecting opinions from the interested community and to give them due consideration before any decision is taken. Representation is connected to the accountability of ICANN in its multi stakeholder model and has to accommodate the appearance of new constituencies. These core principles have been integrated into ICANN’s existing processes and structures in a more than satisfactory way, taking care of the above considerations.
 

  • Question 2

The goal of the JPA process has been to transition the coordination of DNS responsibilities, previously performed by the U.S. Government or on behalf of the U.S. Government, to the private sector so as to enable industry leadership and bottom-up policy making. Is this still the most appropriate model to increase competition and facilitate international participation in the coordination and management of the DNS, bearing in mind the need to maintain the security and stability of the DNS? If yes, are the processes and structures currently in place at ICANN sufficient to enable industry leadership and bottom-up policy making? If not, what is the most appropriate model, keeping in mind the need to ensure the stability and security of the Internet DNS?

Answer 2

We believe that the ICANN model, as it was conceived and evolved since it’s creation, is the only one that can assure an efficient, reliable and self adaptive way to manage the system of unique identifiers of the Internet. ICANN should not be subject to a governmental supervision and this goes in the direction of the results of WSIS-2 (Tunis agenda). The fact that the supervision of a single government ends should not mean that a multitude of governments should replace the supervision exercised, up to now, by the Department of Commerce of the US Government. We know that the end of the JPA will not change the arrangements of the contract between the NTIA and IANA, through which ICANN staff are authorized to insert domain names to the root zone. It will not change the cooperative arrangement that the US Government has with Verisign Corporation to manage the ‘A’ root server. We have the opinion that the process of internationalizing and managing the unique identifiers of the Internet is a process that will need time and the accomplishment of further steps. We recognize that the completion of JPA is an important step in the direction of the recommendations of the WSIS, that has also a relevant political significance.

Since ICANN has been created, no alternative credible models have been agreed nor tested.

Not all the governments agree on the principle of the industry leadership accompanied by a bottom up decision making process, but almost all the countries in Western World believe that this is the unique approach that will guarantee the safe evolution of the Internet.

The presence of GAC inside the structure of ICANN will assure that the voice of the governments is heard in the decision making mechanisms of ICANN, maintaining a soft governmental presence, able to intervene only if and when problems arise. The GAC will have to evolve in order to improve his performance and to contribute to the accountability of ICANN.
 

  • Question 3

The original agreement and the first six amendments to the JPA contained a series of core tasks, and in some cases, date-specific milestones. Have these tasks been accomplished and have these milestones been met? If not, what remains and what steps should be taken to successfully address them?

Answer 3

The tasks in consideration are de facto moving targets and therefore the judgment is to assert if they have been achieved in a satisfactory way. We have to recall that the process for the internationalization of the management of DNS is a process that will have continuous space for improvements. Our answer is that the tasks have been accomplished by ICANN in a more than satisfactory degree.
 

  • Question 4

In 2006, the focus on specific milestones was adjusted to a series of broad commitments endorsed by the ICANN Board as an annex to the JPA. Specifically, ICANN committed to take action on the responsibilities set out in the Affirmation of Responsibilities established in ICANN Board Resolution 06.71, dated September 25, 2006.\12\ Those responsibilities included activities in the following categories: security and stability, transparency, accountability, root server security and relationships, TLD management, multi-stakeholder model, role of governments, IP addressing, corporate responsibility, and corporate administrative structure. What steps has ICANN taken to meet each of these responsibilities? Have these steps been successful? If not, what more could be done to meet the needs of the community served in these areas?

Answer 4
 

ICANN constituted the President’s Strategic Committee, which has produced two versions of a report aiming at providing the plan for evolution of ICANN’s in order to:

1. be safeguarded against capture,
2. be accountable and responsive to its multi-stakeholder communities,
3. meet the needs of the global Internet community of the future,
4. be a functionally and operationally secure organization,
5. maintain its focus on ensuring safe and stable operations relating to the unique identifiers of the Internet.

The final recommendation “The Way Forward” has been published on June 3rd to be submitted to the Board, and it is still undergoing public consultations. The Board is expected to conduct a debate at the next ICANN meeting on the last week of June, before adopting or revising the recommended actions. In the mean time the Board has progressed in the 10 responsibilities adopted by the Board in 2006, when the JPA was signed. So, we can say that the steps that ICANN has carried on are in a good progress and have to be considered adequate.
 

  • Question 5

The current JPA called for NTIA to conduct a mid-term review. That review revealed that ICANN needed to take further steps to increase institutional confidence related to long-term stability, accountability, responsiveness, continued private sector leadership, stakeholder participation, increased contract compliance, and enhanced competition. What steps has ICANN taken to address the concerns expressed in the mid-term review process? Have these steps been successful? If not, what more could be done to meet the needs of the community served in these areas?

Answer 5

The answer is positive. We remember that ISOC Italy gave a positive evaluation of ICANN’s achievements in occasion of the “mid term review”.
 

  • Question 6

The JPA between the Department of Commerce and ICANN is an agreement by mutual consent to effectuate the transition of the technical coordination and management of the Internet DNS in a manner that ensures the continued stability and security of the Internet DNS. Has sufficient progress been achieved for the transition to take place by September 30, 2009? If not, what should be done? What criteria should be used to make that determination?

Answer 6

We believe that significant progress has been achieved to ensure the continued stability and security of the Internet DNS for the transition to take place.
 

  • Question 7

Given the upcoming expiration of the JPA, are there sufficient safeguards in place to ensure the continued security and stability of the Internet DNS, private sector leadership, and that all stakeholder interests are adequately taken into account? If yes, what are they? Are these safeguards mature and robust enough to ensure protection of stakeholder interests and the model itself in the future? If no, what additional safeguards should be put in place?

Answer 7

The answer is yes; no doubt ICANN has top level technical capabilities and may rely on a network of external relations of absolute excellence (like IETF, IAB, ITU, UNESCO, WIPO, etc.) to assure the continued security and stability of the Internet DNS. Concerning the other aspects connected to the protection of stakeholders interests, the guarantee is also strong.
 

  • Question 8

The JPA provides that before its termination, NTIA and ICANN are to collaborate on a DNS Project Report that will document ICANN’s policies and procedures designed and developed pursuant to the agreement. What should be included in this report?

Answer 8

This report should contain not only the policies and procedures adopted in running operations but should elaborate about the ICANN model definition, and provide an indication of the characteristics that should be considered mandatory and aspects that could be subject to improvements.
 

  • Conclusions

ISOC Italy, on the base of our answers to the 8 questions expressed in the NOI, recommends that the JPA be concluded, in line with the recommendations of our “mother house” ISOC. The substance is that we consider the ICANN model as the most appropriate to manage the Internet DNS; there is still space for continuous improvements but it is time to let the adolescent ICANN become adult, after 11 years of parental supervision by US government. In front of a pressure from a number of countries (including China and Russia), and from the ITU, to replace the JPA with an inter-governmental framework, the Italian chapter of ISOC view is that this would undermine the achievements of the largely successful ICANN multi-stakeholder model.

Note sulle risposte pervenute al Notice of Inquiry (NOI), a cura del Presidente di ISOC Italia

Tutti i commenti sul sito del NTIA

Download del documento in formato .pdf

 

Storico dell'"Espressione di Opinioni" di ISOC Italia relative al JPA tra il governo U.S.A. e ICANN:

"The Continued Transition of the Technical Coordination and Management of the Internet Domain Name and Addressing System"

Posizione in merito alla data di attivazione del sistema sincrono nella registrazione dei domini .it

Su specifica richiesta del Direttore del Registro .it, in merito allo slittamento al 28 settembre 2009 dell'introduzione del sistema sincrono nella registrazione dei domini .it, ISOC Italia esprime la propria opinione:

"In relazione allo slittamento al 28 settembre 2009 dell'introduzione del sistema sincrono nella registrazione dei domini .it richiesto da AHR, ISOC Italia, comprendendo la necessità degli operatori interessati di avere un più lungo periodo di tempo per studiare il nuovo sistema ed adeguarvisi, non vede particolari ostacoli nella richiesta posposizione della data di avvio del sistema sincrono.

Tale posizione tiene anche conto del fatto che il maggior periodo di adeguamento richiesto dagli operatori interessati cadrà principalmente nel periodo estivo, ed e' espressa nella convinzione e nell'auspicio che l'introduzione del sistema di registrazione sincrono non subirà ulteriori ritardi rispetto alla data sopra indicata."

Posizione di ISOC Italia in merito all'art. 50-bis del ddl 733


Posizione di ISOC Italia in merito all'art. 50-bis del ddl 733
“repressione di attività di apologia o incitamento di associazioni criminose o di attività illecite compiuta a mezzo internet”

ISOC Italia, nella sua qualità di delegazione nazionale (chapter) di Internet Society, in relazione al DDL 733 “Disposizioni in materia di sicurezza pubblica” e più precisamente all’approvato emendamento

DDL 733 art. 50 bis: "Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet"

premesso
  • che l’Internet SOCiety (ISOC) è l'organizzazione internazionale di supporto alla Rete Internet: essa promuove lo sviluppo e la crescita di Internet a partire dal 1992, oggi partecipa con impegno al processo globale di definizione della governance dell’Internet del futuro;
  • che ISOC Italia è già più volte intervenuta sostenendo la necessità di perseguire le attività illecite ed i reati, non il “mezzo” Internet, come avviene di fatto da anni con certi provvedimenti e decretazioni d’urgenza;
  • che questa posizione rappresenta la sintesi delle riflessioni, espresse e condivise da esperti informatici e giuridici di ISOC Italia, che hanno discusso in merito all’art.50-bis del DDL 773,
CONTESTA

l’ennesimo tentativo di regolamentare Internet attraverso imposizioni o soluzioni di facciata che dimostrano una scarsa conoscenza del funzionamento tecnico della Rete, in quanto di fatto nel Sistema Internet è tecnicamente impossibile filtrare i contenuti per addivenire alla cessazione delle attività illecite attraverso "l’interruzione della attività indicata, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine [cfr DDL 733]".

COMUNICA

Gli appositi strumenti di filtraggio richiamati nell' art. 50 bis D.D.L. 733 in oggetto NON esistono e NON esiste una tecnologia per implementarli.

A livello di sistema e per le peculiarità stesse della Rete, una qualsiasi legge che preveda il filtraggio in Internet non può essere applicata e qualora si cerchi di osservarla non si fa altro che aumentare la discriminazione tra gli utenti che riusciranno comunque ad aggirare l'ostacolo e i meno esperti. Chiunque affermi o proponga il contrario, nega lo stato dell’arte o si limita a rappresentare una visione parziale od accomodante della realtà. Questo non significa che coloro che compiono reati “a mezzo Internet” non possano essere perseguiti. Internet è una rete globale, non locale: la ricerca di soluzioni sempre più efficaci nella repressione dei crimini commessi attraverso la Rete è assai complessa e non può risolversi con interventi di legge da parte di singoli governi; essa consiste piuttosto nello sviluppo di buone pratiche di cooperazione, associate a campagne di educazione degli utenti. In merito ai problemi di definizione di regole in Internet, essi toccano diversi aspetti tecnici ed è riconosciuta a livello globale la necessità di interazione fra il Legislatore e il mondo tecnico della Rete.

ISOC Italia rinnova la propria disponibilità ad essere ascoltata dal Parlamento e dalle altre Istituzioni per contribuire ad una migliore comprensione del Sistema Internet in tutti i suoi aspetti: dalla dimensione dei contenuti sino a quella delle tecnologie.

Download del documento in formato .pdf

Posizione in merito alla costituzione dell'IGF Italia

POSIZIONE DI ISOC ITALIA IN MERITO ALLA COSTITUZIONE

DELL'INTERNET GOVERNANCE FORUM (IGF) ITALIA

ISOC ITALIA con questo documento esprime la sua posizione a proposito della recente costituzione dell'Internet Governance Forum (IGF) ITALIA.

Al primo meeting di IGF Italia tenutosi a Cagliari il 22 e 23 ottobre 2008, il già esistente Comitato Scientifico del meeting si è costituito in Comitato Promotore, con lo scopo di organizzare la struttura del forum e la discussione tra tutti gli enti e gli individui interessati a proseguire il lavoro. Fra i possibili modelli organizzativi sono stati proposti e contrapposti fra loro:

a) il modello organizzativo "istituzionalizzato", che prevede la creazione di una ente non-profit più o meno dettagliatamente strutturato in forma associativa, i cui organi provvedono all'organizzazione ed alla direzione del lavoro e della discussione;

b) un modello organizzativo proprio delle coalizioni dinamiche, in cui i partecipanti al Forum, pur senza formalmente associarsi ad un ente, aderiscono a una campagna e mettono a disposizione le proprie attività e le proprie risorse sotto uno stesso simbolo.

Isoc Italia ritiene auspicabile che IGF Italia agisca secondo quest'ultimo modello organizzativo. Le coalizioni dinamiche sono infatti il modello organizzativo proprio e caratteristico dell'IGF, che sin dal 2006 ha dato ottima prova della sua adeguatezza a trattare i temi di Internet in un contesto multistakeholders (p. es., si veda la coalizione dinamica Internet Bills of Rights, http://www.isoc.it/index.php?option=com_content&task=view&id=246&Itemid=1).

La coalizione dinamica consente la più ampia partecipazione di chi è interessato a portare il proprio contributo, senza appesantirne la partecipazione entro schemi precostituiti, sia per quanto attiene le modalità che per quanto concerne il contenuto dei contributi portati. Consente quindi a chi si assume il compito di coordinare lavori di dedicarsi esclusivamente ai contributi dei partecipanti al forum.

Al contrario, l'adozione di un modello organizzativo istituzionalizzato andrebbe sia a discapito delle risorse - parte delle quali andrebbero impiegate non nel lavoro dell'IGF, ma alla sua gestione strutturale - sia alla sua possibilità di raccogliere il maggior numero di contributi, la cui acquisizione potrebbe essere ostacolta dalle formalità burocratiche che - anche se minime - sono necessariamente connaturate con la scelta di un modello istituzionalizzato.

Non va infine dimenticato il rischio che l'istituzionalizzazione di IGF Italia quale ente non profit possa essere visto da alcuni stakeholders potenzialmente partecipanti al Forum come la creazione di un nuovo ente potenzialmente sovrapponibile ad altri già esistenti, che sarebbero quindi dissuasi dall'appoggiarlo e fornire il proprio contributo.

Pertanto ISOC Italia, nell'augurare al Comitato promotore di IGF Italia un proficuo lavoro, conferma la propria piena disponibilità alla prosecuzione del Forum, auspicando che IGF Italia, nel solco della pur breve ma significativa tradizione dell'IGF, sia strutturato ed agisca secondo il modello delle coalizioni dinamiche.

Posizione in merito all'introduzione della tecnologia WI-MAX in Italia

ISOC ITALIA, nell'esprimere plauso alla introduzione della tecnologia WiMax, auspica che nel regolamentare e nell'assegnare le frequenze venga favorita l'adozione di un sistema aperto e progressivo. Solo in questo modo WiMax potrà concretamente aiutare a migliorare l'accesso a l'INTERNET per tutti i cittadini, accelerando così il processo di innovazione tecnologica e di sviluppo socio-culturale del nostro Paese. ISOC ITALIA allo scopo suggerisce che un lotto il più ampio possibile di frequenze interessate dalla tecnologia Wi- Max (3.4÷3.6 GHz) rimanga di libero utilizzo, per garantire un accesso base dei cittadini ai servizi pubblici offerti tramite INTERNET...

Posizione in merito al decreto contro la pedopornografia

ISOC ITALIA concorda sulla necessità di perseguire chi commette reati di PEDOPORNOGRAFIA, tuttavia intende esprimere una forte obiezione di fondo all'idea che la pubblicazione di contenuti illegittimi o illegali, di qualsiasi genere, possa essere prevenuta o repressa mediante l'introduzione di sistemi di filtro interni alla rete. Pratiche di filtraggio sistematico dei contenuti e delle comunicazioni dei cittadini a monte (lato server e non lato client) e non rimessi quindi al libero controllo di questi ultimi, mal si conciliano con la legislazione di un Paese che si considera libero e democratico...